Le diete vegane sono carenti di omega-3?

il blog del nutrizionista

Non necessariamente. Così come le diete onnivore non ne sono necessariamente ricche. Tutto dipende dall’equilibrio della dieta.

Se seguono una dieta equilibrata, i vegani non hanno assolutamente nulla di cui preoccuparsi per gli omega 3, anche se non mangiano il pesce o carni e derivati da animali al pascolo.

Ecco i termini della questione…



Fonti animali e vegetali

Il vantaggio degli omega 3 degli alimenti animali rispetto a quelli dei vegetali è che sono già presenti nella forma più attiva, come EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesanoico). Il principale omega-3 degli alimenti vegetali è invece il loro precursore ALA (alfa-linolenico), di per sé poco biologicamente attivo.

Conversione lenta

In realtà, le nostre cellule dispongono degli enzimi per allungare la catena dell’ALA dei vegetali, convertendolo in EPA e poi DHA. Tuttavia, tale conversione è lenta e poco efficiente, ragion per cui si dice in genere che è meglio introdurre EPA e DHA già preformati.

Competizione con gli omega-6

La ragione principale per cui si considera inefficiente la conversione di ALA in EPA e DHA, tuttavia, è un’altra. L’enzima elongasi, infatti, è lo stesso utilizzato anche dall’acido linoleico (omega-6) per allungare la sua catena: quindi, linoleico e alfa-linolenico competono per lo stesso enzima. Siccome nella nostra dieta gli omega-6 tendono ad essere molto più abbondanti degli omega-3, l’enzima è sempre ‘impegnato’ con loro.


Soluzioni

Chi segue una dieta completamente vegana, non ha nulla di cui preoccuparsi e non deve necessariamente ricorrere a supplementi di omega-3, a patto di seguire queste due regole:

  • prestare attenzione a limitare l’eccesso di omega-6 nella dieta (in particolare evitando oli di semi e prodotti che li contengano), in modo da lasciar libero l’enzima per convertire l’alfa-linolenico dei vegetali in EPA e DHA.

  • non farsi mancare quegli alimenti vegetali particolarmente ricchi di omega 3, che sono alcuni tipi di alghe, i semi di lino, i semi di chia, i semi di canapa e le noci. Frutta e verdura, pur contenendone quantità molto piccole, possono contribuire in modo complessivamente significativo quando sono consumate in abbondanza.

di Stefano Vendrame
Nutrizionista, Fulbright Scholar,
Dottore di Ricerca in Scienze della Nutrizione






“banner"




Questo sito web utilizza dei cookie al solo scopo di migliorare l’esperienza di navigazione. Non vengono in alcun modo raccolti o conservati dati che consentano l’identificazione o la profilazione dei nostri visitatori. Continuando a navigare sul sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.